Mancano competenze per 355mila

Mancano competenze per 355mila

Il mondo dell'industria e dei servizi fa sapere dalle pagine del sole 24 ore di domenica 2 febbraio che ci sono oltre 1,1 milione di opportunità lavorative, ma c'è un problema il 30,6% di queste offerte potrebbe non essere coperto per mancanza di profili professionali adeguati.

In numeri stiamo parlando di circa 355mila posti scoperti. In Italia si crea quindi il paradosso che i posti qualificati offerti dalle aziende non vengono coperti, mentre aumentano le difficoltà di chi lavora in aree di crisi aziendale o di chi cerca lavoro.

Quale soluzioni possibili si profilano all'orizzonte? Per far fronte a questo fenomeno servirebbero delle scelte lungimiranti di governo sui temi della politica industriale e soprattutto del rapporto tra mondo della scuola e mondo dell'impresa. scrive L'Huffingatonpost " L’allarme sulle carenze di figure professionali adeguate alle trasformazioni produttive e alle sfide tecnologiche più innovative e dunque sulla vera e propria crisi di competitività di larghi settori della nostra economia è sempre più evidente in Lombardia e nel Nord Est, in Emilia Romagna ma anche nelle aree del Mezzogiorno in cui, pur faticosamente, si affermano imprese che insistono sui settori hi tech di manifattura e servizi. E purtroppo non si intravvedono novità di rilievo che attenuino il divario." (link notizia integrale).

Proprio in virtù di queste importanti carenze a cui bisognerà porre velocemente rimedio per stipulare un patto di responsabilità con i nostri giovani, i Sindacati dovranno anch'essi intraprendere la strada della cooperazione con il mondo della formazione professionalizzante, al fine di aiutare il lavoratore e l'aspirante tale ad avere sempre adeguate competenze alle richieste incalzanti del mondo produttivo.


Email

Related Articles